Il marchio di vernici legacy aggiorna la tecnologia, ponendo le basi per la concorrenza

L’obiettivo di Crown Paints è quello di essere “la migliore della classe” e con i nuovi sistemi di gestione del colore in atto, è in testa al gruppo.

Come fa un’azienda di vernici secolare a mantenere il suo status di leader del settore? Il loro slogan potrebbe fornire un indizio: “Non è solo vernice, è personale”.

Crown Paints ha aperto nel Regno Unito nel 1777. Oggi, l’azienda conta 130 Crown Decorating Centres in tutto il Regno Unito e l’Irlanda, oltre a uno stabilimento di produzione locale. Si sono costruiti una reputazione così stellare per la qualità che le finiture professionali di Crown sono richieste per alcuni degli edifici più prestigiosi delle isole britanniche. Inoltre, Crown detiene anche il Royal Warrant dal 1949, concesso per la fornitura di vernici a Re Giorgio VI e poi rinnovato dalla Regina Elisabetta II.

Sebbene la tecnologia sia cambiata radicalmente nel corso degli anni, alcune cose non sono cambiate: I clienti di Crown si aspettano che i dipendenti siano esperti di colore. I responsabili dei sistemi di miscelazione Steve Lightfoot e Darren Mcilroy e i loro colleghi di Crown Paints sono più che felici di cogliere l’occasione.

Un’acquisizione porta un nuovo approccio al colore

Lightfoot gestisce un team di 15 persone ed è responsabile di 1000 apparecchiature in tutto il Regno Unito, oltre che di alcuni clienti internazionali. Insieme, si assicurano della manutenzione dei diversi dispenser e agitatori in tutte le sedi di Crown Paint e risolvono eventuali problemi.

Si tratta di un lavoro critico quando le cose sono normali, figuriamoci quando è necessario ripensare l’approccio al colore della vostra azienda.

Formare una partnership – e un piano

Steve e il suo team si sono avvicinati a Datacolor dopo l’acquisizione dell’azienda da parte della danese Hempel nel 2011. Crown era precedentemente di proprietà di Akzo Nobel. Due grandi imprese erano sulla loro lista di cose da fare:

  1. Sostituzione del software del punto vendita Akzo Nobel di Crown
  2. Sostituire un sistema di coloranti obsoleto con coloranti deboli

“Quando si cambia una macchina di miscelazione, non si cambia solo la macchina”, afferma Lightfoot. “Bisogna cambiare i dispenser, gli agitatori, aggiornare il software e gli spettrofotometri, ecc. Si tratta di progetti molto costosi e che richiedono tempo”.

Lo sforzo richiesto valeva la pena di essere ripagato.

Le modifiche avrebbero portato a un migliore spazio colore, a una migliore opacità e a nuovi colori per soddisfare le esigenze dei clienti. Inoltre, il numero di vernici di base necessarie verrebbe ridotto, rendendo il sistema molto più pulito e moderno.

Lightfoot ha intravisto una chiara opportunità di far crescere ulteriormente il riconoscimento di Crown come leader nella corrispondenza dei colori. Ora, lui e il suo team dovevano solo trovare il giusto fornitore di software per il punto vendita.

“Il team di Datacolor ha capito subito cosa stavamo cercando. Il software è facile da usare e Datacolor offre un eccellente sistema di supporto. Ci sono molti fornitori e molti produttori di dispenser, ma a noi serviva qualcuno che fosse esperto di colori. Ci sono solo pochi nomi di cui possiamo davvero fidarci, e Datacolor è uno di questi”.

Steve Lightfoot, Responsabile sistemi di miscelazione | Crown Paints

Migliore assistenza, più funzioni e una dedizione alla precisione.

Quando è iniziata la ricerca, la priorità principale di Crown era chiara: collaborare con un’azienda che condividesse il suo impegno di lunga data per una corrispondenza cromatica sempre accurata.

Dopo aver valutato attentamente i software per i punti vendita di Datacolor, X-Rite e Largo, la soluzione di Datacolorsi è distinta maggiormente.

La decisione non riguardava solo il software. Datacolor Paint era dotato di un maggior numero di funzioni rispetto al precedente software Mix2Win di Crown, quindi Crown Paint aveva bisogno di un partner che desse priorità alla formazione del team, in modo che potesse a sua volta assicurarsi che i clienti ottenessero il massimo da Paint.

Insieme, Datacolor e Crown hanno deciso di dare priorità a otto negozi a settimana per l’introduzione dell’intero sistema di coloranti e del nuovo software per il punto vendita entro il 2021.

“La corrispondenza dei colori è superiore a quella che avevamo prima”, afferma Lightfoot. “Per i nostri clienti e i negozi che dispongono di uno spettrofotometro, questo è uno dei maggiori vantaggi. È anche facile da usare e ci sono diversi modi per cercare un colore di vernice nel sistema”.

Parlate con un esperto del colore

Una soluzione per ogni esigenza di verniciatura

Con il lancio dei nuovi sistemi POS, Crown ha cercato di utilizzare i sistemi Datacolor anche nel proprio laboratorio. “È un’ottima prova di quanto siamo tranquilli nell’affidarci alle soluzioni Datacolor “, afferma Lightfoot.

Il team di Crown Paints non si è fermato qui. Oggi continua a investire nella tecnologia del colore di Datacolor con un occhio di riguardo alle esigenze specifiche dei clienti.

È qui che entra in gioco Crown COLOURKEY®, la versione a marchio Crown del Datacolor ColorReader
Spectro®. Il ColorReader
Spectro è stato progettato per l’identificazione portatile dell’ispirazione cromatica ben oltre le pareti di un negozio di vernici.

“COLOURKEY® si inserisce perfettamente nel nostro portafoglio di marchi perché è un vero e proprio strumento personale”, afferma Darren Mcilroy, responsabile della gestione dei marchi e dei prodotti, dei punti vendita e del marketing digitale per il portafoglio di marchi irlandesi di Crown. “È piccolo e maneggevole. Lo si porta con sé e lo si può usare sul posto. Se sei un commerciante, puoi usarlo in negozio. Se sei uno stilista, un influencer, un designer d’interni, ha tutti i tipi di aspetti. Quindi, per noi, è un’ottima soluzione dal punto di vista del marketing”.

Finora il feedback è stato molto positivo. Gli appaltatori e il team di vendita (che è responsabile della vendita delle unità) amano la precisione e la gamma di colori disponibili su COLOURKEY®, dice Mcilroy.

Come fa il team di Crown Paints a determinare le soluzioni cromatiche di cui ha bisogno e quando?

“A volte è guidato dal team tecnico e altre volte dal marketing”, dice Lightfoot. “Ma alla fine si tratta di un rapporto tra tecnici e marketing per arrivare a qualcosa su cui possiamo essere d’accordo e che funzioni nel nostro mercato”.

“Abbiamo bisogno di strumenti da banco per alcuni, di strumenti mobili per altri”, afferma Mcilroy. “È un caso che Datacolor sia il migliore per noi, perché ha un po’ di tutto”.

Nuovo e necessario: ColorReader
Spectro

Lightfoot ha spiegato che i clienti Crown si suddividono generalmente in tre fasce: basso volume, medio volume e alto volume. Lo spettrofotometro Datacolor 200 si adattava alle loro esigenze per i clienti con alti volumi e il ColorReader
funzionava bene per i clienti con bassi volumi.

Tuttavia, i clienti di fascia media non potevano giustificare il costo di un’unità di fascia più alta, ma avevano comunque bisogno di maggiori funzionalità rispetto a ColorReader
, che è stato progettato per la ricerca dei colori e l’ispirazione in movimento.

“È qui che il ColorReader
Spectro si adatta davvero a quella nicchia di mercato”, afferma Lightfoot. “Abbiamo molti clienti per i quali si tratta di un’unità perfetta. Ora abbiamo una soluzione di cui siamo davvero soddisfatti”.

Il potere del sostegno locale

Il team di Datacolor è orgoglioso della propria capacità di offrire una presenza e un’assistenza globale. Crown Paints ha sfruttato appieno questo aspetto nel corso della nostra collaborazione, dagli strumenti e dal software di verniciatura, all’assistenza in laboratorio e alla formazione. “Se abbiamo bisogno di una risposta rapida, [the Datacolor support team] è felice di fare un salto in laboratorio e lavorare con noi”, dice Lightfoot.

“Per quanto ci si possa preparare bene, ci saranno delle difficoltà. E non importa quanti ostacoli abbiamo avuto, abbiamo sempre avuto qualcuno che ci ha aiutato a superarli”.

Una mentalità orientata al colore e al cliente

“Dove abbiamo un vantaggio rispetto ai nostri principali concorrenti è nell’abbinamento dei colori”, afferma Lightfoot. “E vogliamo fissare un’asticella il più possibile alta.

Ha riflettuto su un progetto per il quale Crown ha partecipato e vinto qualche anno fa. Sono state le capacità di abbinamento personalizzato di Datacolora distinguere Crown dagli altri. “È un mercato importante nel Regno Unito, perché non possiamo avere i colori degli altri sui nostri sistemi”, spiega Lightfoot. “Da un punto di vista tecnico, vedo Crown come un punto di riferimento per la corrispondenza dei colori”.

Connettiti con un esperto del colore

Consigli per altre aziende di verniciatura

Secondo Lightfoot è facile sottovalutare l’importanza di uno stretto rapporto con i fornitori. Quando si acquistano prodotti a scaffale, non si riceve alcun supporto e si è abbandonati a se stessi.

Per i team di marketing in particolare, Mcilroy dice: “C’è un solo consiglio che darei a tutti, ed è il più ovvio: capire il cliente. Perché l’ultima cosa che volete fare è trovare un pezzo di tecnologia che vi piace e cercare di spingerlo verso di loro. Non funziona. Dobbiamo fare un passo indietro e dire: “Sai cosa? Siamo qui per agevolare il cliente”.

Quando si tratta di trovare le giuste soluzioni per i punti vendita, Lightfoot afferma che è fondamentale valutare le opzioni disponibili.

“Abbiamo esaminato la maggior parte delle soluzioni disponibili e abbiamo scelto quella che ci dava le migliori possibilità di successo”, spiega. “Il cambiamento è difficile, quindi perché renderlo ancora più difficile per voi stessi? Scegliete qualcosa che funzioni”.

È chiaro che Crown non smetterà mai di innovare quando si tratta di colori.

“Credo che Steve abbia usato spesso l’espressione ‘best in class’”, dice Mcilroy. “Ed è esattamente quello che vogliamo essere”.

Four people seated together at a conference table.

Dare vita alle idee con la gestione del colore

Quando i dati incontrano il colore, l’ispirazione incontra i risultati.

This site is registered on wpml.org as a development site.